Nonostante l’italia sia un bellissimo paese pieno di posti incredibili da scoprire, alcune persone al governo la stanno rendendo alquanto bloccata e chiusa. Per quanto riguarda i progressi in generale non riesce a stare dietro agli altri paesi e andiamo a vederne alcuni dei motivi. Cominciamo!

1. Internet

Premessa: l’italia non è la più indietro di tutte in ogni cosa ma in qualunque caso sembra che in confronto all’europa e alle risorse a disposizione sia troppo arretrata. Non si può permettere in un paese che potrebbe svilupparsi sempre di più avere dei blocchi e rallentamenti assurdi. Come per esempio la connessione a internet. Il problema delle connessioni lente in italia è ancora molto forte. Pensate che secondo le statistiche il 78 per cento delle connessioni supera a malapena 4 mega di banda, e solo il 12 per cento ha una connessione superiore ai 12mega. Assurdo come dopo tutto questo tempo l’italia continui a viaggiare a rallentatore. Mentre paesi come la norvegia hanno una connessione da 26 mega di media. Moltissime persone lavorano con internet, le scuole stanno cominciando ad utilizzarla sempre di più per riferire notizie importanti ai genitori o addirittura inviare i compiti via mail e tante altre cose. Ma se la situazione rimane cosi tra un pò rimarremo fuori dal mondo.

2. Costruzioni

In italia la lentezza e l’inefficienza non è sempre colpa dei lavoratori per carità, anzi moltissimi cercano lavoro e vogliono impegnarsi al massimo per finire i loro compiti. Come nel caso di muratori e lavoratori pubblici normali. Queste persone sono incaricate di occuparsi della manutenzione delle strade o degli edifici in generale cercando di garantire la sicurezza prima di ogni altra cosa, ma sapete cosa succede in italia? i soldi non vengono dati a questi lavoratori e perciò finisce tutto per rallentare o venire fuori male. Mentre nelle altri parti del mondo per riparare una buca o una voragine, aperta casualmente come successo in Giappone tempo fa, ci vogliono poche ore o pochi giorni, qui a causa dei soldi si impiegano a volte mesi per delle cose che richiederebbero al massimo pochi giorni lavorativi. Se vedete che su una strada ci sono lavori in corso da tre mesi e magari stanno solo riempendo delle buche sappiate che le cose potrebbero andare più in fretta ma i soldi frenano tutto. Come per i terremotati, alcuni anche dopo anni dall’accaduto aspettano la loro casa e i soldi donati in beneficenza che in teoria dovevano arrivare fin da subito. Una signora tempo fa aveva fatto costruire una casa per lei spendendo i suoi soldi pur di trovare un posto dove stare.

3. Indietro

Come mai vediamo poche macchine elettriche o poche auto come la tesla nonostante molti ricconi abbiano tranquillamente i soldi per poter spendere senza pensare troppo? perchè prima di tutto trovare qualcosa per ricaricare un auto elettrica è molto difficile visto che anche su questo punto il governo non vuole spendere troppo. Come seconda cosa un articolo del new york times riportava le parole di un giornalista che diceva “in italia non ci sono strade adatte alla guida di macchine automatiche” nonostante l’articolo lanciasse più delle frecciatine senza senso in alcuni punti aveva ragione. Infatti molte sono le deformazioni trovabili in una qualunque città o in qualunque paese italiano e a causa delle strettoie e delle zone che dovrebbero essere a senso unico ma non lo sono, le macchine automatiche non hanno vita facile. Si rischierebbe solo di danneggiarle. Un vero peccato davvero. Magari un giorno quando la tecnologia sarà abbastanza avanti si riuscirà ad averle qua in modo normale.

4. Vecchio

Ho fatto alcune vacanze in aereo e ogni volta che scendevo in un aeroporto nuovo c’era sempre una zona pulita e completamente funzionante ad aspettarmi. Una zona dove gli addetti ai lavori erano pronti a ricevere le persone di altri paesi e non dove i mezzi di trasporto, almeno li, erano nuovi e messi a lucido in modo da non far brutta figura con gli stranieri provenienti da paesi diversi. Eppure in italia non è cosi. Quando sono sceso in un aeroporto di milano anche se non ricordo bene quale, il banco informazioni era vuoto, si non c’era nessun dipendente li, due bancomat erano rotti e quindi nn potevo prelevare i soldi e per di più gli autobus erano vecchi di quasi 30 anni ma nonostante ciò e nonostante l’inquinamento disumano che causavano continuavano ad andare. Uno dei maggiori problemi dell’italia è proprio l’utilizzo estremo di strumenti ed oggetti che dovrebbero essere sostituiti. La vecchiaia non è un limite abbastanza grande a quanto pare, si sembra una bella cosa ma in certi casi non lo è. Veder utilizzare ancora windows xp negli uffici del comune o delle banche come unicredit non è proprio un gran segno di velocità e sicurezza…allora voi penserete…ma magari utilizzano computer potenti con windows xp…no assolutamente no…fateci caso…la maggior parte dei computer dati in dotazione agli enti pubblici risalgono ai tempi di quando facevate l’asilo.

5. Lavoro

Qualcosa di recente sta cambiando ma ancora, il lavoro è più una domanda che una sicurezza. Tutti si chiedono se avranno il lavoro anche il mese o il giorno dopo o se potranno un giorno trovarlo visto che molti giovani rimangono per le strade a causa di ciò. Negli altri paesi trovare lavoro non è difficile come in italia dove un solo operaio costa a un imprenditore una marea di soldi visto che lo stato difficilmente concede grandi inventivi. La maggioranza dei lavoratori per di più ha contratti che durano qualche settimana o al massimo un mese. Secondo le statistiche ancora troppi sono i lavoratori che dovrebbero andare in pensione. Questi prendono il posto di molti giovani che si ritrovano quindi ad aspettare che questi anziani vadano a riposare…ma non è solo colpa loro visto che la pensione che ricevono non basta a farli avere una vita decente. Perfino le buste paga sono la metà di quelle che si possono ricevere in paesi come la Germania per esempio.

Con questo concludiamo, era un altro di quei video un pò diversi per descrivere un paio di cose che a molti non vanno giù dell’Italia. Voi che ne pensate? siete d’accordo o avete altri pensieri? Ci sentiamo alla prossima gente!

Rispondi